Benvenuti

Salve a tutti, vi diamo il benvenuto nel nostro tempio. Un tempio pieno di risorse per tutti gli internauti. Infatti questo blog è stato creato il 12/09/07 con l'intento di fornire a persone come voi, che hanno voglia di saperne sempre di più su il mondo dell'informatica, una serie di software e guide e consigli si l'acquisto hardware.. inoltre apriremo a breve una sezione riguardante la musica e tante altre belle cose tutte da scoprire. Siamo uno staff composto da ragazzi appassionati di pc e musica e la cosa più importante è che abbiamo molta voglia di fare, e vogliamo far arrivare lontano questo progetto ma non senza l'aiuto di voi tutti..bè che dire oltre a questo messaggio di benvenuto e di presentazione ve ne facciamo un altro: seguiteci!!..

sabato 15 settembre 2007

La nuova generazione dei dischi rigidi

Sono usciti da poco sul mercato i nuovi dischi rigidi, o meglio i dischi ibridi.
La nuova generazione di dischi unisce le caratteristiche dei tradizionali hard disk con quelle delle memorie flash di ultima generazione. Al giorno d'oggi salviamo sempre più dati sui nostri ormai capientissimi hard disk, non consapevoli del fatto che presto potrebbero andare in pensione.
Il funzionamento di un disco rigido tradizionale è simile un pò agli ormai vecchi giradischi, infatti la testina, che a differenza dei giradischi è sospesa , scrive i dati su dischi magnetici.Oggi la velocità di rotazione di un disco può arrivare a 7.500 giri al minuto.
Questi dischi "tradizionali" hanno degli svantaggi:
1)Hanno un alto consumo energetico, perchè i motori che fanno girare i dischi consumano molto!.
2)Putroppo il tempo di accesso ai file è molto lungo, perchè la testina deve spostarsi in zone diverse del disco rigido, in quanto i file quando vengono memorizzati nn vengono messi su una stessa parte di disco.
3) Il calore prodotto dal lavoro del motore e quindi alla veloce rotazione dei dischi produce una eccessiva quantità di calore.Questo può causare problemi se la temperatura supera i 50° C, con la conseguenza della perdita dei dati.
4)Possibilità che si verifichi un "headcrash": ossia quando un computer viene colpito con forza, la testina potrebbe toccare il disco magnetico danneggiando i dati presenti in quella zona di disco.

I dischi ibridi, si chiamano così perchè sono composti da più parti: una parte che è come nei dischi tradizionali ( testina, motorino e disco magnetico).E da una parte che è stata inmessa da poco si tratta una semplice memoria flash. Quest'ultima usa una tecnologia simile alle memory card e alle pennette USB. La memoria flash funge da buffer dati veloce e ha come compito il salvataggio temporaneo di dati. Quando questa si esaurisce, vengono attivati i dischi che fino a quel preciso momento sono stati a riposo.
I vantaggi dunque quali sono??:
1) Appunto il fatto del minore consumo di energia dovuto al fatto che i dischi stanno molto spesso a riposo e vengono chiamati in causa rare volte se non quando devono essere utilizzati file presenti in quest'ultimi.
2)Maggiore sicurezza per i dati, infatti il fenomeno descritto sopra "headcrash" non sussiste se non in minori probabilità, visto l'uso della flash memory!!.
3) Minore surriscaldamento, e che quindi previene gli errori dovuti a questo fenomeno, facilitando il raffreddamento di tutto il computer, specie nei notebook.
4)Come abbiamo accennato su maggiore velocità. Nei dischi tradizionali l'accesso al file avveniva in 17 millisecondi, nei dischi ibridi invece si è addirittura arrivati ad 1 millisecondo.
Abbiamo visto dunque come il "semplice" inserimento di un dispositivo di memoria flash, possa dare tutti questi vantaggi. Ma questa nuova generazione può avere degli svantaggi!??
In sostanza no!.. gli unici svantaggi che hanno sono la capacità,( la memoria flash di un disco ibrido non supera i 256MB "megabyte") l'eccessivo costo (quasi il doppio dei tradizionali hard disk)e la compatibilità, infatti questi dischi sono stati creati per Windows Vista che frutta e massimizza tutte le potenzialità!. Non sono quindi presenti, per ora, estensioni per altri sistemi operativi. Inoltre i pochi modelli presenti da poco su mercato sono solo i cosidetti 2,5 pollici cioè quelli compatibili con i notebook. A breve saranno messi in vendita anche quelli da 3,5 pollici per i pc desktop.



Grazie Slevin&Rocky

3 commenti:

Rocky ha detto...

Dani stai facendo un'ottimo lavoro continua così...

Francesco Ridolfi ha detto...

Complimenti bel lavoro, anche se dovresti fare alcune precisazioni. In primo luogo non è vero che gli ibridi sono utilizzabili solo con vista perchè anche xp e macosX possono utilizzare questa tipologia. Unico problema è che ad essere compatibile deve essere la scheda madre. In secondo luogo attualmente sul mercato questo tipo di hard disk è montato solo su pochi modelli di notebook di fascia molto alta e c'è da considerare che a differenza dei dischi normali le nand flash memories hanno un problema non da poco. Infatti queste memorie hanno un periodo di vita finito (pari a circa un milione di cicla in lettura/scrittura) mentre i dischi meccanici sono potenzialmente infiniti. Conclusione: una tecnologia interessante specie se legata all'uso della cache di sistema che ne risulterebbe molto velocizzata se utilizzata in flash ma ancora acerba, visto ce non garantisce, per dimensione massima prevista e durata limitata, un uso intensivo e ottimale. Comunque grazie e complimenti per il sito

Slevin ha detto...

Caro Francesco grazie per le tue precisazioni, che devo dire ottime, questi particolari mi erano sfuggiti..questo frutterà maggiormente al sito. Ti ringrazio per la collaborazione!!.

Sn saluto e continua a seguirci Slevin

Stiamo lavorando per voi..

hosted by freefilehosting.net